> Italiano
English
"Dall'angolo del divano ricoperto di tappeti persiani, sul quale giaceva, fumando, com'era sua abitudine, innumerevoli sigarette, Lord Henry Wotton poteva appena afferrare il barlume giallo miele dei dolci fiori di un citiso, i cui tremuli rami pareva che non ce la facessero a sopportare il peso di una bellezza così fiammeggiante."
Sala del Museo del Tappeto di Taher Sabahi
I Leoni di Shiraz. Esposizione di tappeti Qashqai
Corso Vittorio Emanuele II, 38 Torino - 21.12.18|23.02.19
Gualdrappe orientali. Coperte da cavallo e da sella
Torino, Sabahi Gallery - 26.09.09|31.12.09
I turkmeni e i loro tappeti
Torino, Galleria Sabahi - 20.11.08|25.02.09
SUZANI - Ricami dell'Asia centrale
Torino - 23.03.07|21.04.07
I Leoni di Shiraz. Esposizione di tappeti Qashqai
Corso Vittorio Emanuele II, 38 Torino - 21.12.18|23.02.19
carpetshow1

I leoni di Shiraz

dal 22 dicembre 2018 al 23 febbraio 2019

inaugurazione il 21 dicembre 2018 alle ore 17

Corso Vittorio Emanuele 38, Torino

 

 

La Ghalibaf Gallery e la Sabahi Collection di Torino presentano un nuovo allestimento nei locali di Corso Vittorio Emanuele 38, completamente dedicato ai tappeti Qashqai - popolazione nomade che vive sopratutto intorno alla città di Shiraz, nella provincia iraniana del Fars - e alla raffigurazione del leone. L’esposizione svela una selezione di straordinari manufatti, accomunati dall’origine di produzione e dalla presenza del felino, simbolo arcaico associato alla regalità e al sole. Tredici opere con felini di grande impatto visivo e altri tessuti annodati accompagneranno il visitatore alla scoperta della cultura Qashqai e dei tappeti tribali persiani. 

 

A partire dagli Achemenidi, il leone con il sole che sorge è stato uno dei simboli della Persia e degli imperi sorti su quel territorio, non ultima la dinastia Pahlavi che lo ha inserito sulla bandiera per cui è diventato il simbolo dei monarchici, soprattutto dopo la Rivoluzione del 1979. In tempi più recenti, il leone viene considerato metafora dell'Imam Ali, primo discendente legittimo del profeta Maometto secondo l'Islam sciita. E il sole è interpretato come simbolo della madrepatria. Di fatto, è l'emblema del nazionalismo di cui è intriso l'Iran: il leone e il sole sono i due pilastri dell'Iran e rappresentano la religione e lo Stato. Nonostante il leone sia un animale estinto da secoli sull'altopiano iranico, il ricordo e il forte simbolismo legato a questo animale è ancora vivissimo anche tra le popolazioni nomadi, come attestano le decorazioni presenti sui magnifici manufatti Qashqai esposti a Torino.

 

L’inaugurazione avrà luogo venerdì 21 dicembre a partire dalle ore 17 in concomitanza con un'occasione particolare per la cultura persiana e per gli iraniani, in patria e nella diaspora: con il solstizio d’inverno si celebra infatti Shab-e Yalda, ovvero la notte della nascita. Una festività zoroastriana millenaria, legata al culto di Mitra, divinità associata al sole e alla luce. Secondo il calendario persiano, Shab-e Yalda è a cavallo tra l'ultimo giorno del mese di Azar e il primo del mese di Dey. È la notte più lunga dell'anno e gli iraniani la celebrano con parenti e amici, consumando melograni e frutta secca e leggendo versi, soprattutto quelli del poeta Hafez di Shiraz, in cui il leone è spesso protagonista: 

 

Si fa una volpe, il leone, laggiù nel deserto d’amore:

ahime, questa strada, ove tu in ogni sorta di rischio t’imbatti!


E ancora: 

 

Le salite e le chine, al deserto d’amore, non son che funesti tranelli:

dov'è mai chi abbia cuor di leone, e sciagura non tema?

 

 

Info pratiche:

I leoni di Shiraz

22/12/2018 - 23/02/2019

C.so Vittorio Emanuele, 38 Torino

accesso libero

Inaugurazione: 21/12 ore 17.00

orari:

lunedì dalle 15.30 alle 19.00

dal martedì al sabato dalle 10.alle 1300

dalle 15.30 alle 19.00

Domenica 23/12 aperto dalle 10.00 alle 13.00

 

dalle 15.30 alle 19.00

© Copyrights 2009 TAHER SABAHI srl ALL RIGHTS RESERVED
P.IVA 09087970019
contatti email design EXE
EXE design website